Obesità infantile: un triste primato campano

26 giugno 2017
OBESO.jpg

L’obesità infantile è oggi una delle grandi emergenze sanitarie dei paesi ad alto sviluppo e l’Italia detiene, purtroppo, il primato negativo europeo di bambini e adolescenti con eccesso di peso. In Campania, l’obesità infantile in età scolare è una vera e propria emergenza. I bambini sono sempre più grassi, pigri e golosi, anche se le statistiche tendono ad un leggero miglioramento.

Sappiamo ormai bene che l’eccesso di peso determina nel bambino e nell’adolescente una serie di gravi problemi di tipo medico, sia fisici che psicologici, destinati ad accompagnarlo, aggravandosi, anche nell’età adulta. E sappiamo altrettanto bene come siano basse le possibilità di risoluzione e recupero di una situazione di obesità, tanto che il 70- 80% degli adolescenti obesi è oggi destinato a diventare un adulto obeso.

I genitori hanno spesso una percezione distorta e approssimativa delle problematiche alimentari e del peso dei propri figli: molte mamme non ritengono che il proprio bambino sia obeso, non notano neanche gli eccessi nel consumo di cibo. I nostri bambini seguono cattive abitudini alimentari e sono essenzialmente pigri, preferendo il PC o i videogiochi piuttosto che muoversi all’aria aperta.
Per quanto riguarda le cattive abitudini alimentari, molti bambini saltano la prima colazione, oppure fanno una colazione non equilibrata in termini di carboidrati e proteine. Inoltre molti bambini non mangiano frutta o verdura, consumano abitualmente bevande zuccherate o gassate con il permesso dei loro genitori.

In Campania la sedentarietà alberga sia in casa che a scuola. Poche scuole promuovono lo svolgimento di attività fisica al di fuori dell’orario scolastico, e poche scuole primarie italiane prevedono la distribuzione di merende a base di frutta o di yogurt.
Ci sono bambini che non fanno alcuna attività fisica, che hanno la TV in camera o giocano con i videogiochi per oltre 2 ore al giorno.

Il riconoscimento dell’obesità come malattia grave, cronica e degenerativa, è relativamente recente.
Fino a una ventina di anni fa, il sovrappeso era considerato un problema puramente estetico e una condizione esclusiva delle popolazioni dei Paesi industrializzati con uno stile di vita occidentale.
Questa convinzione è crollata quando sono emerse le conseguenze tangibili dell’obesità, cioè quando i bambini cicciottelli, tanto ammirati in passato, sono diventati adulti obesi. Gli studi scientifici hanno dimostrato che il sovrappeso e l’obesità infantile rappresentano fattori di rischio determinanti per l’insorgere di diverse patologie cronico­degenerative nell’età adulta (come diabete, malattie cardiovascolari e tumori), responsabili oggi del 60% delle morti a livello mondiale.
Dieta sana ed attività fisica costante sono le basi di prevenzione contro l’obesità infantile.

Nella farmacia troverete un vasto assortimento di prodotti per tutte le vostre esigenze in fatto di dieta. Chiedete ai nostri collaboratori per ulteriori consigli sui vostri piani nutrizionali: http://www.farmaciacardillo.it/reparti/

Il nostro unico scopo è prenderci cura di voi. Ci dedichiamo ogni giorno con ascolto, competenza e responsabilità alla vostra salute e al vostro benessere.

Link Utili

Copyright © Farmacia Cardillo 2017. Tutti i diritti riservati - Site by Visualizza